Foto della settimana

Foto della settimana
Circus Rondel (D)

martedì 28 aprile 2020

CIRCHI IN SVIZZERA: Cosa ci aspetta il futuro?

È la prima volta dall'inizio dell'emergenza Coronavirus che si parla di un annullamento totale della tournée del Circo Knie: finora si era sempre detto che la tournée sarebbe stata accorciata a 5 mesi a partire da luglio...ma ora si stanno "aprendo" altre possibilità.

Vi proponiamo di seguito un articolo dell'Aargauer Zeitung, giornale svizzero tedesco, che vi abbiamo tradotto in italiano.
100 Jahre Zirkus Knie: Troupe Sokolov
Anche i circhi sono molto preoccupati per la situazione attuale, tra cui anche il più grande di loro, il Circo Knie. La prova generale si era già svolta a Rapperswil, quando il divieto del Consiglio federale ha bloccato tutto. Più di duecento dipendenti sono stati fermati: artisti, operai, musicisti, autisti e molti altri, oltre a più di ottanta animali che hanno bisogno di cibo ogni giorno.

Fredy Knie dimostra una grande calma al telefono quando ci dice: "L'anno scorso abbiamo avuto il nostro anno migliore...e quest'anno sarà il nostro peggiore anno". Ma è comunque preoccupato. "Potremmo iniziare in fretta", dice. "Abbiamo in programma anche una tournée che potrebbe iniziare a luglio, con spettacoli nelle principali città svizzere tedesche e nella Svizzera romanda". Ma se luglio sia una prospettiva realistica resta da vedere. Se il Consiglio Federale darà il via libera limitando il numero di spettatori a un migliaio, "allora sarà difficile per noi perché non saremo più in grado di coprire i nostri costi".

Gli altri circhi sono messi anche peggio, come dice Filip Vincenz, il presidente del "Club degli amici del circo, Variété e degli artisti in Svizzera". "L'anno scorso il Circus Nock ha rinunciato dopo quasi 160 anni, le ragioni di questo fallimento valgono anche per altri complessi", dice. "C'è un divario sempre più ampio tra le entrate e le uscite, e c'è una grande quantità di attività con cui dobbiamo competere".

Ora la situazione è peggiorata: "a marzo iniziano i tour, ma ora gli artisti e il personale sono bloccati , di conseguenza sono già stati spesi molti soldi". Anche chi inizia più tardi sente la crisi: "Da alcuni anni, ad esempio, il Circo Monti inizia la nuova stagione ad agosto", spiega Filip Vincenz. "La sua seconda entrata, a parte gli spettacoli circensi, è l'affitto di tende per grandi eventi come gli Open air. Anche questo business si è completamente fermato". Il Coronavirus potrebbe colpire anche i circhi invernali: se, in autunno e in inverno, le aziende decideranno di fare a meno dei loro eventi per i clienti.

In ogni caso, si pone la domanda se gli spettatori torneranno così rapidamente. "Supponiamo che i circhi siano autorizzati a tornare in tournée in estate, cade nel periodo più caldo dell'anno. Soprattutto negli ultimi anni, gli chapiteau sono stati frequentati in estate".

Come misura immediata, il club ha raccolto le donazioni e lo sta ancora facendo. Rapidamente sono stati raccolti 20'000 franchi. "Una goccia nell'oceano..ma comunque", conclude Vincenz.

Traduzione: solocirco.net

Nessun commento: