Serie estiva 2020

Serie estiva 2020
La copertina del programma del Cirque Medrano Gibault (F) 2005, presentato la scorsa domenica assieme al programma 2002 del Circo Moira Orfei (I) nel corso della nostra serie estiva dal titolo "Programmi circensi". Te la sei persa? Clicca sull'immagine!

sabato 18 luglio 2020

CIRQUE DU SOLEIL: La storia continua...

Secondo quanto riporta il quotidiano canadese "Montreal Gazette", l'offerta rivale per il Cirque du Soleil è stata accettata dal consiglio di amministrazione: martedì scorso il consiglio di amministrazione del Cirque du Soleil ha votato all'unanimità per accettare l'offerta dei suoi principali creditori di rilevare il circo di Montreal, secondo fonti vicine alla compagnia. Allo stesso tempo, il consiglio ha respinto la proposta degli attuali azionisti che avevano chiesto la tutela del fallimento alla fine di giugno.

I principali azionisti del circo con sede a Montreal sono la società d'investimento statunitense TPG Capital (55%), il gruppo cinese Fosun Capital Group (25%) e la Caisse de dépôt et placement du Québec (20%). Se il piano dei creditori verrà approvato dal tribunale, questi tre azionisti non controlleranno più il Cirque. Il gruppo ad hoc di creditori rappresenta i finanziatori che controllano circa 760 milioni di dollari di debito del Cirque du Soleil; hanno promesso di iniettare 300 milioni di dollari nella società per farla tornare in attività.

Una fonte a conoscenza dell'accordo ha detto che il debito sarà ridotto da 1,1 miliardi di dollari a 300 milioni di dollari e che sarà creato un fondo per i dipendenti che sono stati licenziati e per il pagamento agli artigiani che sono debitori. La stessa fonte riferisce che non saranno coinvolti  Fonti vicine al Cirque comunicano che questa offerta manterrà tutte le stesse condizioni dell'offerta di TPG e Fosun, in particolare mantenendo la sede centrale in Quebec e assicurando che i senior manager siano quebecchesi.

"E' meglio", ha detto la nostra fonte, "include tutte le condizioni della vecchia offerta, ma con più soldi". "Non sono nella posizione di commentare in questo momento", commenta invece portavoce del Cirque du Soleil. "Un annuncio sarà fatto a tempo debito".

"Siamo molto lieti di aver raggiunto questo accordo con il Cirque du Soleil", ha detto Gabriel de Alba, amministratore delegato e partner del Catalyst Capital Group di Toronto, il maggiore creditore. "La collaborazione del gruppo di creditori è stata straordinaria per raggiungere il nostro obiettivo di ricapitalizzare e rivitalizzare il Cirque. Si tratta di un'operazione importante e siamo entusiasti di riportare gli artigiani, i commercianti e i membri del team una volta approvata. "Catalyst e il gruppo dei creditori si impegnano a rispettare la storia del Cirque e ad allineare l'azienda per un futuro luminoso. Il brillante spirito artistico e innovativo del Quebec sarà al centro dei nostri progetti".

Il Ministro dell'Economia del Quebec, Pierre Fitzgibbon, ha dichiarato che prenderà in considerazione la possibilità di prestare 200 milioni di dollari a qualsiasi gruppo che si aggiudichi l'offerta di rilevare il circo in difficoltà. Ma a debite condizioni. "Il denaro è disponibile se le persone ne hanno bisogno e se rispettano le condizioni", ha detto Fitzgibbon in un'intervista telefonica mercoledì. "E' anche possibile che la gente compri il Cirque e rispetti le condizioni senza usare i nostri soldi, il che è perfetto".

Nessun commento: