Foto della settimana

Foto della settimana
Circus Medrano (CH) a Suhr

mercoledì 7 aprile 2021

MARIE THÉRÈSE PORCHET: È stato orribile, ho rischiato di morire!

Molti di noi l'hanno conosciuta grazie alle varie partecipazioni alle tournée con il Circo Knie, anche se nella Svizzera francese (in particolare) è una comica molto famosa: stiamo parlando di Marie Thérèse Porchet, figura comica interpretata da Joseph Gorgoni.

La comica conosciuta come Marie-Thérèse Porchet ha rivelato a "L'Illustré" di essere stata vicina alla morte tre volte nell'ultimo anno. Dopo aver subito un trapianto di polmone, ha contratto il coronavirus. Di seguito l'intervista da noi tradotta in italiano.
Joseph Gorgoni ha avuto un anno molto complicato. Quella conosciuta con il nome d'arte Marie-Thérèse Porchet ha confidato a "L'Illustré" di aver subito un trapianto di polmone in seguito a una fibrosi. Fu nel 2018 che l'artista si rese conto di essere molto senza fiato dopo i suoi spettacoli con il circo Knie: "Durante la canzone, facevo fatica a riprendermi, tossivo molto, ero stanco. Mi sono detto: ho 53 anni, ecco quanto sono vecchio", ha confidato al settimanale.

Dopo un controllo dal medico, arrivò la notizia: si trattava di fibrosi polmonare idiopatica. "Questa malattia cronica solidifica i polmoni e impedisce il passaggio dell'ossigeno nel sangue. Nonostante questo, ha continuato ad esibirsi a Parigi e Losanna fino al febbraio 2020, ma era sempre più stanco. "Non potevo più cantare e ballare allo stesso tempo".

Joseph andò nuovamente da un medico. Gli è stato detto che i suoi polmoni stavano cominciando a perdere forza e che funzionavano solo al 30%. "Mi hanno mandato dalla professoressa Paola Gasche, capo del dipartimento di pneumologia dell'HUG (Ospedale universitario di Ginevra). Sono stato fortunato a trovarla, ma era un po' rigida. Mi ha detto: "Devi sapere che quello che hai è molto grave, faremo un trapianto il più presto possibile". Entrò più in dettaglio e disse: "Se non lo fai, tra sei mesi sei morto". Le ho detto: "So che per te questo la routine del tuo lavoro, ma è brutale. Devi parlarmi in modo diverso, altrimenti non va bene." Ho avuto la strana sensazione che stessimo parlando di qualcun altro", dice.
Florian, il compagno di Joseph Gorgoni da 20 anni, ha iniziato a fare qualche ricerca per conto suo: "Ho cercato in rete.: era una malattia irreversibile. L'aspettativa di vita era di tre anni senza il trapianto". Nel giugno 2020, dopo diversi test, è stato ritenuto compatibile per ricevere un trapianto. L'attesa è stata da sei mesi a un anno, poiché gli è stata data la priorità.

Il 7 agosto, proprio mentre sta per andare a fare un pisolino, suona il telefono. "La dottoressa Paola Gasche mi chiama: "Come stai? Sei a casa o fuori? Sei sveglio?" Le dico che sono appena andato a letto e mi risponde: "Va bene. Abbiamo i polmoni. Ora ti opereremo. Non sarai mai pronto. Naturalmente hai il diritto di dire di no, ma ti consiglio di pensarci bene, perché non capita spesso di ottenere polmoni compatibili così rapidamente. Ti do trenta secondi". Qui mi inchino: "Bene, facciamolo!" Lei aggiunge: "Hai due ore, raditi il petto. Non prendere niente e vieni".

L'operazione dura tra le sei e le otto ore. "Non avevo paura di morire, perché non me ne sarei nemmeno accorto. Il rischio maggiore, i primi giorni, è il rifiuto totale", precisa. La convalescenza richiede tempo. Cinque giorni dopo l'operazione il dolore si è risvegliato nella regione dello sterno. "È stato molto violento. Ero emotivamente scosso, piangevo tutto il tempo". È stato finalmente dimesso dopo tre settimane in ospedale e ha dovuto prendere 20 farmaci al giorno.
Per celebrare questo successo va a Firenze, in Italia, con il suo ragazzo. Sulla via del ritorno si sono fermato in un ristorante con una ragazza ed è lì che ha contratto il coronavirus. "Quando ho sentito i sintomi, i primi cinque giorni stavo bene. Poi, all'improvviso, ho iniziato a tremare dalla testa ai piedi. Non riuscivo a respirare. Le mie condizioni sono peggiorate molto rapidamente. Sono stato ricoverato in ospedale e sono entrato in un delirio indotto da farmaci. Ho insultato i medici, ho cercato di scappare. Mi hanno messo una specie di maschera da sub per respirare, ma mi sentivo come se stessi soffocando. È stato orribile, mi vedevo morire. Ho detto loro: "Fate il vostro lavoro, intubatemi". E se muoio, così sia". Dopo quarantadue giorni sotto sedazione e dopo aver perso 20 chili, è tornato gradualmente in sé tra il 21 e il 24 dicembre.

Purtroppo le brutte sorprese non sono finite. Dopo una scansione, si è scoperto che aveva un fungo mortale: il mucor. "Mi hanno avvertito: 'Potrebbe colpire il nervo ottico, potresti perdere la vista, potrebbe attaccare il cervello'. Poi ho pensato: "Ma non è possibile! Mi hanno dato un farmaco antifungino, l'Ambisome. È incredibilmente violento. Ha causato spasmi, può distruggere i reni, attaccare il fegato. O questo o niente, ma ha funzionato!" Il comico è rimasto in ospedale dal novembre 2020 fino allo scorso febbraio.

Oggi, anche se il peggio sembra essere passato, il comico svizzero ha ancora difficoltà a scendere una rampa di scale. Ha fatto domanda per una pensione AI e sta per ricevere la sua seconda dose di vaccino Covid-19 in aprile. Ma può anche contare sul suo compagno, che è sempre al suo fianco: "Il fatto che Florian mi sostenga cambia tutto e, dopo questa prova, rafforza tutto". Aggiunge che ha intenzione di lavorare di nuovo, ma sta iniziando lentamente. "Voglio vivere! Farò la telecronaca dell'Eurovisione il 20 maggio con Jean-Marc Richard, che mi divertirà e mi rimetterà in pista. Devo tenere la mia mente occupata, altrimenti impazzisco. Sono stato da uno strizzacervelli e un po' di ipnosi mi ha calmato", conclude.
--------------------------------------------
E noi non possiamo che fare i migliori auguri a Joseph per una buonissima ripresa.
Ti aspettiamo presto a teatro o in pista!

Articolo originale: L'Illustré/Le Matin
Traduzione: A. Eglin - solocirco.net

Nessun commento: