Foto della settimana

Foto della settimana
Circus Medrano (CH) a Suhr

giovedì 30 settembre 2021

CIRCUS MONTI (CH): Intervista con il direttore Johannes Muntwyler

Il Blick, il quotidiano svizzero più letto e famoso in terra elvetica, ha pubblicato alcune settimane fa un'interessante intervista con Johannes Muntwyler, direttore del Circus Monti, in scena con la propria 36a edizione dallo scorso agosto.

Solocirco.net ha tradotto per voi l'intervista in questione, che vi proponiamo oggi di seguito.
Signor Muntwyler, il suo circo è di nuovo in tournée per la prima volta dall'inizio della pandemia. Come ci si sente?
Una bella cosa. Al debutto ero all'ingresso come al solito con la mia compagna ed uno dei miei figli, mentre salutavo gli ospiti. In quel momento mi sono reso conto per la prima volta di quanto mi era mancato nell'ultimo anno e mezzo. Il grande sollievo arriverà probabilmente quando il tour sarà andato bene.

Gli artisti sono molto vicini l'uno all'altro durante lo spettacolo, e nelle roulotte si vive in condizioni ristrette. Come avete affrontato questo rischio?
Abbiamo parlato agli artisti e a tutto il personale e abbiamo detto loro di farsi vaccinare. Il nostro team creativo viene dal Canada, gli artisti dagli USA, da Israele o da altri paesi. Se provate per due mesi e poi andate in tour insieme per quattro mesi, il rischio è troppo grande senza vaccinazione.

L'industria circense svizzera sembra non andasse bene neanche prima della pandemia. Nella primavera del 2019 Nock è andato in pensione dopo 158 anni. Un anno prima, il Circus Royal era fallito per la prima volta. Cosa rende il Circo Monti diverso dalla concorrenza?
Per me, la ragione principale del nostro successo è essere andati per la nostra strada, con la nostra programmazione per anni. Offriamo un complemento al circo classico, dove i numeri sono infilati insieme in modo distaccato. Da noi invece, come in una commedia, tutto si inserisce in una storia generale, ed è per questo che il lavoro della squadra di regia è uno dei più importanti. Il fatto che esistiamo ancora dopo 36 anni si basa anche sul fatto che gestiamo uno spettacolo di varietà natalizio, giornate culturali e un noleggio di tende.

Da 10 anni non avete animali nel programma: questo è un altro modo in cui vi differenziate dal circo classico.
Mio fratello Niklaus ha lasciato il circo nel 2004, lui per anni si è occupato del dressage e della cura dei cavalli, mentre oggi lavora privatamente come istruttore di dressage. Dato che non so nulla di animali e non vedevo il motivo di assumere persone esterne per questo settore, non abbiamo cercato un sostituto. Fino al 2011, avevamo solo un carro con piccoli animali come capre e oche, con cui i miei figli facevano dei numeri.
Gli atti dei cavalli sono controversi tra gli attivisti dei diritti degli animali.
Naturalmente ci sono circhi e attivisti che fanno di tutto per rendere sempre più forte la critica ai numeri dei cavalli o degli animali in generale nel circo. Ma quando ci sono persone responsabili che ne sanno qualcosa e si impegnano per un trattamento rispettoso degli animali, la trovo una critica infondata.

Un certo brivido fa parte degli spettacoli circensi: la gente guarda gli artisti fare cose pericolose e alcuni trucchi sarebbero fatali se qualcosa andasse storto. Una tensione che non può essere vissuta quasi da nessun'altra parte nel campo dell'intrattenimento. È questa l'attrazione del circo?
Gli spettacoli in cui un artista potrebbe morire non sono divertenti per me come spettatore. Una volta abbiamo avuto nel cast una giovane artista che si esibiva in un numero aereo, facendo figure in aria a grandi altezze: ho pensato che avrebbe potuto cadere ed ho insistito perché usasse un tappetino, anche se si sentiva assolutamente sicura senza.

Forse siete nervosi non solo perché un incidente sarebbe terribile, ma anche perché sarebbe un male per i vostri affari.
Questo non c'entra affatto, c'è stato un ripensamento nel mondo del circo in generale. Il prezzo è semplicemente troppo alto per un artista: nel peggiore dei casi, si muore, oppure sei così ferito da non poterti più esibire. Alcuni artisti sono molto giovani, il rischio di dover rinunciare al sogno per cui ti sei allenato per anni proprio all'inizio della tua carriera non vale la pena.

Mi spieghi la regola per cui gli artisti devono continuare a provare un trucco che sbagliano finché non funziona?
Non è solo nell'interesse del pubblico che, per esempio, un funambolo che cade dalla corda nella rete durante una capriola abbia un secondo tentativo, ma è importante anche per l'artista. Se aspetta fino alla prossima performance, la paura di non farcela di nuovo potrebbe accumularsi.
Lei si esibiva come giocoliere. Avere una brutta giornata con tanti errori dev'essere bruttissimo.
È sgradevole quando succede. Nella giocoleria gli errori si vedono subito: se ti cade una mazza, non puoi nasconderla. Ci sono giocolieri che hanno dei nervi così buoni che non si lasciano nemmeno turbare se gli succede due o tre volte di seguito. Mio figlio Mario, anche lui giocoliere, è uno di quelli. Io non lo sono, anzi, durante i debutti ero così teso che le spalle mi facevano terribilmente male il giorno dopo.

Il programma attuale del Circo Monti si chiama "Cirque je t'aime!". Perché nel mondo del circo si intitola sempre in francese?
Potrebbe avere a che fare con il fatto che il circo gode di uno status elevato nel mondo francofono, soprattutto in Canada: le scuole di circo di Montréal e del Québec sono tra le migliori del mondo. Penso che il francese suoni in qualche modo più fine, più artistico del tedesco. Questo si adatta alla magia che un circo vuole trasmettere.

Il nuovo programma è un'ode alla vostra storia familiare: i suoi genitori erano insegnanti prima di entrare nel circo. Suo padre, conosciuto come il Clown Monti, è morto nel 1999, e nel 2019 tua madre è morta a 83 anni per una grave malattia. Come affronta emotivamente una comunità circense quando qualcuno, presente per così tanto tempo, scompare improvvisamente?
La simpatia di tutti coloro che la conoscevano è stata enorme. Mia madre ha vissuto nel vagone del circo durante la tournée fino a poco prima della sua malattia e ha lavorato a tempo pieno fino a 80 anni. Quando è scomparsa, abbiamo organizzato una festa d'addio in cui si sono esibiti la nostra orchestra e una cantante di un precedente programma di Variété. Si è tenuta nella vecchia tenda che avevamo già allestito per l'addio di mio padre. È stato un momento triste, ma ci sono state anche molte risate, come era molto nel suo spirito. La mattina dopo, abbiamo smontato la tenda per l'ultima volta e poi ce ne siamo liberati. Un'epoca è finita con questo momento.

Articolo originale e foto: Jonas Dreyfus - Blick.ch
Traduzione: A. Eglin - Solocirco.net

Nessun commento: